Brownies al cioccolato fondente




Apriamo il televoto: McVitie’s o di nuovo cioccolato?

Mangiare, dormire, sfogliare riviste, rivedere serie TV. Qui il tempo passa così, è un ticchettio scandito da istanti lenti, interminabili, oziosi. Sotto il sole in spiaggia, sonnecchiando nell’accidia della tranquillità, ascolto un po’ di musica ed intanto penso al nuovo post, a quello passato ed al prossimo e, sapete che c’è? Mi piace parlare con voi lettori silenziosi, sembra che qualcosa della mia vita vada apposto quando pubblico, riempio tasselli che non avevo e che se c’erano erano vuoti, compongo il mio ricettario, porto avanti un diario che mi aiuta a rimanere lucida e fissare bene i miei obbiettivi. La smania cresce, e non è quella della villeggiatura. Qui confinata in hotel al dolce far niente, tra le partite a scala quaranta e quelle a ping pong, penso al prossimo biscotto integrale che impasterò una volta tornata a casa, oppure alle fotografie che farò alla cresima di mia nipote Martina, di 11 anni.

D’altronde, è questo che faccio da una vita, cercare di dare un senso al presente. È la cosa che mi riesce meglio, o peggio, a seconda dei casi. Vorrei parlarvi delle mie teorie a riguardo, ma probabilmente annoierei un pianeta intero (però a proposito ne ho una davvero valida che ha a che fare con il mio segno zodiacale ed il mio ascendente, pare che ariete e cancro non vadano proprio d’amore e d’accordo tra loro).

Passiamo alla ricetta prima che arrivi ora di cena. Questi brownies hanno riscosso diversi successi, sia a casa che a lavoro, d’altronde non avevo dubbi sulla loro riuscita dato che la ricetta è quella di Gordon Ramsay (anche se leggermente modificata). Non solo: ho preparato decide di brownies, di forme, dimensioni e cioccolati diversi, quindi non mi sento di peccare di superbia definendo questo dolcetto un mio cavallo di battaglia. Dicevo, il loro sapore così squisito ha risvegliato nel mio fidanzato desideri reconditi di biscotti alla Nutella, barrette simil Snickers, crostate Mars e compagnia bella. Eh lo so, se le sogna di notte, che ci devo fare? Me lo tengo così. Io, rigorosa come sono nella mia tabella di marcia delle cose da fare, ho in programma (come dicevo appunto prima) una rivisitazione dei McVitie’s (biscotti che adoro!) da fare comodamente a casa.

Ora la domanda è questa: cedere all’intelletto e preparare questi frollini integrali (che poi, datemi un consiglio: ha senso perdere tempo ed energie per rifare qualcosa che comprato confezionato è già così buono di suo?) oppure dare retta al cuore e accontentare il mio Jonny caro con qualcosa di goloso e cioccolatoso? Se vi va aspetto con piacere un parere nei commenti. Per il momento vi lascio con la ricetta dei miei brownies, e me ne torno al mio dolce far niente. (Come dice Cannavacciuolo) addios.

 ♥♥♥

Ingredienti per una tortiera medio/piccola

200g cioccolato fondente
160g burro
100g zucchero
90g farina 00
20g cacao amaro in polvere
2 uova
mezza bustina di lievito
vanillina
sale un pizzico
zucchero a velo per spolverare
panna fresca (opzionale)

Montiamo con le frustine il burro ammorbidito, lo zucchero con la vanillina e il pizzico di sale. Quando sarà tutto chiaro e spumoso aggiungiamo ad una ad una le uova, facendo attenzione ad aggiungerle quando la precedente sarà completamente assorbita.

Sciogliamo il cioccolato fondente a bagnomaria (potete scioglierlo anche a microonde ma fate attenzione a non scaldarlo troppo), aiutandoci eventualmente nell’operazione con un goccio di panna fresca oppure di latte. Il cioccolato non deve essere bollente, ma tiepido; altrimenti smonterà le uova una volta nell’impasto. Una volta sciolto aggiungiamolo al miscuglio di burro, zucchero e uova.

Aggiungiamo la farina setacciata con la bustina di lievito ed il cacao amaro (setacciato anche quello).

Versiamo tutto in una tortiera foderata di carta da forno della forma che preferite (meglio se quadrata). Inforniamo a forno medio/basso (180 gradi) per 20 minuti circa. Controlliamo con uno stecchino la cottura, ricordando che essendo questa una torta con molto cioccolato, lo stecchino non sarà mai asciutto del tutto (a meno che la torta non sia quasi bruciata). In ogni caso, se fosse ancora molto umido, lasciatela in forno per altri 4/5 minuti.

Una volta sfornata la teglia facciamo riposare e raffreddare il dolce prima di tagliarlo a cubotti. Serviamo i brownies sia tiepidi, che a temperatura ambiente, spolverati di zucchero a velo e con l’aggiunta di un po’ di panna fresca montata e non zuccherata se vogliamo esagerare (in meglio, lo assicuro) un po’.

English recipe

Ingredients

200g dark chocolate
160g butter
100g sugar
90g pastru flour
20g unsweetened cocoa powder
2 eggs
half baking powder sachet
vanillin
a pinch of salt
icing sugar for powdering
heavy whipping cream (opzional)

Whisk the soften butter, sugar, vanilla extract and a pinch of salt. When mixture will be light and whipped add one by one the whole eggs.

Put the chocolate into a large heatproof bowl set over a pan of gently simmering water (don’t let the bottom of the bowl touch the water underneath) and leave until melted, stirring occasionally. Remove from the heat and let cool slightly, so add to the mixture.

Add sifted flour, unsweetened cocoa powder and baking powder to the dough.

Grease and line with baking parchment a square cake pan. Pour in mixture. Bake at 180° for 20/25 minutes or until a toothpick can be inserted into the center and come out almost clean.

Cool before cutting. Sprinkle with icing sugar and serve lukewarm or at room temperature with a dollop of unsweetened whipped cream.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *