Cheeseburger

Quanta dolcezza, quanta amarezza, quanta speranza hanno questi giorni (e che illusione)

Tra quelle cose da cui traggo insegnamento c’è il pane, ed il primo pane della mia vita, sicuramente sono i burger buns. Mi piace scoprire, con la stessa meraviglia della prima volta, come risorga il secondo impasto dopo la rottura del lievito. Ne ho sbagliato decine di impasti, spesso non volevo più saperne (rovinare una procedura è una cosa che mi ha sempre portato molta angoscia, e siccome sono una personalità complicata, questo si ripercuoteva anche nella mia vita, ed il mio umore rimaneva nero per giorni)

[continua a leggere…]

Tagliere invernale di affettati misti con brie, carciofini, funghetti e olive

Maledetta primavera

Aspettando la primavera, gli ultimi antipasti freddi pesanti, per rifarci di questo gelo.

[continua a leggere…]

Pollo al sesamo con miele e salsa di soia

La voglia matta…

C’è una tradizione nostra che portiamo avanti da luglio, da quando il lunedì era il giorno sacro di Games of Thrones. Spesso e volentieri il lunedì mi spetta la mattina, il che contribuisce al mantenimento di questa insolita abitudine: uscita dal lavoro mi fiondo nel supermercato più vicino e ne esco con un pacco di patatine gigante. L’appuntamento è verso le sei, sul divano (oppure più tardi, sempre sul divano), gli ospiti in questione: patatine e serie tv.

[continua a leggere…]

Stufato di coniglio al Soave, salsa alle verdure e fichi neri al burro

Progetti reconditi e aspirazioni segrete di una cucina master(chef)

La storia del coniglio inizia appunto da una ricetta della prima edizione, che ho scovato, e rivisitato. Dentro c’è un po’ di Veneto, ed un po’ di cucina d’oltre oceano; ci sono le verdure di stagione (frullate e lavorate fino a diventare salsa), qualche piccolo spunto che mi porto dietro dalla scuola d’arte, e un esperimento che ho voluto fare sull’impiattamento.

[continua a leggere…]

Crocchette di risotto avanzato farcite con speck e asiago

Se non mi usi tu, chi mi usa più? L’avanzo che inevitabilmente avanza

E’ stata una di queste mattinate, mentre mi lambiccolavo (?) cerebralmente pensando a come avrei potuto riutilizzare un piatto colmo di risotto al radicchio rosso avanzato dalla sera prima in frigorifero (quel famoso risotto che sulla mia pagina Facebook avevo pubblicato qualche settimana fa), che mi è frullata per la testa l’idea di una crocchetta di riso, che non si ispira né ad un arancino né ad un supplì, ma vuole solo essere un modo -e pure abbastanza frettoloso- di raccattare gli avanzi senza per forza gettarli nella pattumiera. E qui c’è la ricetta.

[continua a leggere…]