Torta di Buon Compleanno per Giorgia

Per la torta nuziale, cioccolato, lamponi e peonie (non da mangiare, ma da ammirare)

Avevo scelto, qualche mese fa, di concentrarmi sulle torte a strati per riuscire ad ottenere (un giorno che speravo non lontano) un risultato che soddisfacesse il mio ego, il mio desiderio di perfezione, ed ovviamente il mio palato. Sono fiera di annunciare che abbiamo fatto passi indietro, con la torta di compleanno di mia nipote. Il pan di spagna era smontato, ed abbiamo aggiunto il doppio della farina per farlo stare in piedi; mamma non aveva comprato la vaniglia, ed abbiamo dovuto aromatizzare la crema al cioccolato con l’aroma arancia (urla di sgomento a non finire da parte vostra, lo so, è terribile). La panna era leggermente montata troppo, e (giusto perché mancava qualche altro intoppo) i colori dei cartoncini con cui ho creato le decorazioni erano un pugno in un occhio, nell’insieme del tutto. Sembrerebbe troppo sfacciato da parte mia, se chiedessi un piccolo applauso di incoraggiamento per la prossima torta? (Che ovviamente, sarà la prova della torta nuziale che vorrei preparare per il nostro matrimonio).

[continua a leggere…]

Strudel di pasta fillo ripieno di mele, biscotti e pepite di cioccolato

Non devo dare retta a giudizi di persone per cui non nutro stima

Re-innamorarsi piano piano, dopo un lungo tempo di inattività, del cibo, ricominciare dalle basi, le cose semplici e amate, è stato ciò che ha caratterizzato questo strudel. Non avevo mai provato la pasta fillo prima, e non è stato amore a prima vista, come non è stato amore a prima vista quello tra lo strudel e la pasta fillo, ma nel complesso il gusto è gradevole in bocca, c’è un diverso gioco di consistenze tra la crosta croccante e l’interno umido che stimola qualcosa nel nostro sistema nervoso, e quello che ne deriva è che… non è uno strudel, ma vale la pena di essere mangiato.

[continua a leggere…]

Brownies fondenti al Grand Marnier

Fate l’amore non fate la guerra, anche con voi stessi

E da un po’ quindi che mi sento di aver fatto pace con me stessa, che le cose incomplete mi pesano meno, do più spazio alle priorità e meno all’ordine e devo dire: la cosa funziona. È per questo che lavoro meglio al blog, non sono più bloccata da ricette che metto in ordine di esecuzione, alcune delle quali impossibili per me da realizzare in un breve lasso di tempo (o perché mi manca il materiale, o non conosco la tecnica). Salto, vado avanti, e mi sono messa un altro puntiglio di cui sono orgogliosa: non fare cose che non vuoi fare, e che non ti piacciono. Basta ricette che odio, solo cose che vengono dall’anima, preparazioni che amo fare e fotografare e per questo so che verranno perfette, come i brownies al Grand Marnier, che hanno incantato tutti.

[continua a leggere…]

Cioccolato, tutto quello che non sapevamo

Questo <oro nero, cibo degli dei, accompagna le nostre vite da sempre, spesso ormai catalogato come bene primario, di semplice reperibilità: nascosto nell’ultima anta in cima alla credenza, dentro la ciotola di caramelle della nonna, nei biscotti della zia, durante le felici abbuffate di Pasqua, Natale o Epifania. Conservato per quelle giornate cupe, quando l’umore pessimo sembra avere la meglio su qualsiasi cosa bella, ed un cioccolatino messo in bocca e sciolto sulla punta della lingua può riuscire a strapparci un sorriso di piacere. Ma cosa nasconde, cos’è, e da dove viene, questo cioccolato di cui tutti conosciamo il sapore? Ai temerari che sono giunti fino a questo punto, nella lettura di quest’articolo, confesso solo: ecco, tutte le cose che non sapevate del cacao, Teobroma cacao (da cui deriva il nostro amato cioccolato), le troverete qui.

[continua a leggere…]